i miei superpoteri: orientamento e recitazione

Dopo avere sparso anche in quel di San Diego la già universale conoscenza del mio assoluto senso dell’orientamento (assoluto non come l’orecchio musicale ma come assolutamente mancante) oggi succedono due cose:
una ragazza italiana arrivata a UCSD da due giorni si perde in campus e viene a chiedere a me di disegnarle una mappa per tornare a casa. Io fingo serafica di essere perfettamente padrona della topografia californiana e con l’aiuto di google map le disegno il percorso, completo di autobus che deve prendere (il 150) e, particolare non trascurabile, al suo "mi sa che non ho capito niente" sorrido ed evito di dirle che io sono qui da 6 mesi e ancora mi perdo tra le 4 strade di UTC… come infatti è accaduto giusto più tardi mentre tornavo a casa e ho mancato la traversa giusta! :-)
Fatto numero due: trovo questo post di Tandi che mi riconcilia con me stessa e mi fa sentire meno sola (e derisa) al mondo.
Unica differenza con lei, io non avrei mai affermato
"Sì sì, è proprio da queste parti… ti ci porto! Ti fidi di me?" , a scuola dopotutto, la chiamavano ubris!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s