bau…stelle?

Il singolo di Irene Grandi che ha venduto di più è Bruci La Città.
C’è di che esserne fieri!

L’ho “scoperto” per vie traverse. Monica Corrias insegna italiano a studenti stranieri che amano l’Italia e l’italiano e, a proposito del congiuntivo, suggerisce di ascoltare Sono come tu mi vuoi, nelle due interpretazioni  di Mina e di Irene Grandi. L’ho ascoltata, e pure La voce del silenzio e Prima di partire per un lungo viaggio che mi piace tantissimo, di Vasco.

E Bruci la città?
Una grande delusione, dalla prima volta che l’ho ascoltata:

Bruci la città
e crolli il grattacielo
rimani tu da solo,
nudo sul mio letto.

Wow, fantastico inizio!

Bruci la città

o viva nel terrore

Vabbè, un po’ eccessivo ma accettabile…

nel giro di due ore

se serve per la rima

svanisca tutto quanto

La forza del verso qui sta nella capacità evocativa del verbo,

svanica tutto il resto.

ma è immediatamente sciupata da quel “tutto il resto”.

E tutti quei ragazzi come te

Ed ecco il primo cambiamento di carattere del testo. Dal tono iperbolico e ribelle,

non hanno niente come te

ad uno drammatico e pietoso, sgradevole soprattutto la distanza tra “l’io”  e “tutti quei ragazzi” “come te”.

io non posso che ammirare

Perché li ammira? Che merito hanno, soffrire o far bene l’amore?

non posso non gridare

No, no, soffrire!

che ti stringo sul mio cuore
per proteggerti dal male
che vorrei poter cullare
il tuo dolore il tuo dolore.

Versi mielosi ma, tutto sommato,  coerenti.

Muoia sotto un tram

Torna Mister Hyde

più o meno tutto il mondo

“più o meno”, tanto a lei che gliene frega?

esplodano le stelle

Immagine piena di forza e dal respiro cosmico,

esploda tutto questo.

seguita da cosa?  Da “tutto questo”? Verso insulso!

Muoia quello che è altro

Variazione sul tema,

da noi due almeno per un poco
almeno per errore.

altre catastrofi invocate “per errore”, “per un poco”, all’incirca.

E tutti quei ragazzi come te

Ammesso che non siano morti anche loro.

Non hanno niente come te

Io vorrei darmi da fare

forse essere migliore

…”forse”, però. Neanche lei è convinta di quello che dice.

farti scudo col mio cuore

da catastrofi e paure

Ma qualpaure , quelle che ha appena invocato?

io non ho niente da fare

No comment!

questo è quello che so fare

Cioè?

Io non posso che adorare
non posso che leccare

Ah, ecco! Un ammiccamento volgare mancava proprio! Altrochè “essere migliore”,”darmi da fare”.

questo tuo profondo amore
questo tuo profondo
non posso che adorare
questo tuo profondo

E questo “profondo”, così, monco, che senso ha? Una licenza poetica!

Insomma cosa colpisce, a parte i disturbi di personalità dell’autore? Approssimazione, mancanza di fantasia e affermazioni contraddittorie.
Ci sono due buone idee, l’immagine dell’esplosione delle stelle e il verso iniziale neroniano, ma proprio la posizione  preminente del bruci fa risaltare la povertà del resto della canzone.

Promette tanto e delude di più.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s