la macchia umana

“Ora eravamo, per la crescente insistenza di Mahler, dentro la bara con Coleman, in preda al terrore dell’eternità e all’appassionato desiderio di scampare alla morte… E poi, in un modo o nell’altro, sessanta o settanta di noi si trovarono al cimitero ad assistere alla sua inumazione, un rito abbastanza semplice, la soluzione del problema più ragionevole che fosse mai stata ideata, ma che non riesce mai del tutto comprensibile. Devi vederla per crederci, ogni volta.”

“Rimaneva ancora da svelare una parte troppo grande della verità.
Intendevo, con questo, la verità sulla sua morte, e non la verità che sarebbe venuta a galla qualche minuto dopo. Perchè c’è la verità e poi, ancora, c’è la verità. Per quanto il mondo sia pieno di gente che va in giro credendo di conoscerti, di conoscere te o il tuo vicino, l’ignoto è davvero senza fondo. La verità che ci riguarda è infinita. Come le bugie. Preso in mezzo, pensai.”

Philip Roth, La macchia umana

Tanti lampi in questo libro, un susseguirsi denso di parole che sono riuscita a leggere solo molto lentamente. No, non grumi di parole ma pensieri, il rimuginare della mente, quel consapevole ma ineludibile pestare, le ossessioni di ciascuno e le illuminazioni. Le mie intrecciate a quelle di Faunia, di Les, di Silk, di ciascun personaggio, perchè sono tutti così umani, così veri, che li puoi odiare uno ad uno e di ciascuno avere pietà.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s